Verifica dei Requisiti degli Ambienti Indoor
microclima, qualità dell’aria, illuminamento e rumore
(D.Lgs 81/08)

La normativa nazionale, rappresentata dal D.Lgs 81/08, fissa specifici requisiti per gli ambienti di lavoro, con particolare riferimento al microclima ed alla qualità dell’aria. In questo provvedimento il microclima compare in più titoli: al Titolo II (“Luoghi di lavoro“), al Titolo VII (“Attrezzature munite di videoterminale“) e al Titolo VIII (“Agenti fisici“). Nel terzo caso il legislatore, quando inserisce il microclima tra gli agenti fisici di cui al Titolo VIII, intende agire nei confronti dei rischi da stress termico, regolamentando gli ambienti in cui, a causa di severe condizioni microclimatiche, può determinarsi un serio pregiudizio per la salute dei lavoratori (la descrizione del nostro servizio di valutazione dei rischi da stress termico si trova nell’apposita sezione: stress termico).

Nei casi in cui i più seri rischi per la salute derivanti dal microclima e da altri fattori dell’ambiente di lavoro si possono dare per esclusi, ovvero negli ambienti che termicamente sono detti moderati (ad esempio negli uffici) il legislatore fissa requisiti di accettabilità e prescrive che il datore di lavoro elimini eventuali fonti di discomfort; all’ Allegato XXXIV, punto 2, lettera e) troviamo scritto: “le condizioni microclimatiche non devono essere causa di discomfort per i lavoratori“.

Rimandando al sito agentifisici.it per un approfondimento del quadro normativo (vedi: “Quadro normativo relativo al microclima negli ambienti moderabili“) si richiamano di seguito i due allegati dove si trovano le prescrizioni circa il microclima, la qualità dell’aria e l’illuminazione degli ambienti di lavoro:
- allegato IV “Requisiti dei luoghi di lavoro”, che detta i requisiti che devono essere soddisfatti in tutti i luoghi di lavoro;
- allegato XXXIV “Videoterminali – Requisiti minimi”, che interviene specificatamente sui requisiti delle postazioni di lavoro al videoterminale (essenzialmente gli uffici).

Il complesso dei requisiti ambientali indoor, fissati dal legislatore in merito al microclima, alla qualità dell’aria, all’illuminamento ed all’acustica costituiscono, a livello internazionale, la Indoor Environmental Quality (IEQ) e sono verificati mediante gli esami di fisica tecnica ambientale.

Descrizione del servizio

CeSNIR esegue tutti gli accertamenti tecnici necessari al datore di lavoro per la corretta valutazione dei requisiti ambientali indoor, ovvero le verifiche di fisica tecnica ambientale.

Ricognizione dell’ambiente di lavoro / analisi planimetrie

Al fine di individuare gli ambienti più significativi in cui condurre i rilievi è previsto un sopralluogo del palazzo o, in alternativa, l’analisi delle planimetrie dello stesso.

Caratterizzazione dell’edificio e degli ambienti campione

Acquisizione di alcuni parametri caratteristici del palazzo e degli ambienti (estensione, affollamento, soleggiamento, …) e creazione di una scheda riepilogativa di ogni ambiente campione.

Microclima

Comfort globale

In ogni punto di misura sono acquisiti i seguenti parametri termo-igrometrici:
- temperatura dell’aria;
- umidità relativa dell’aria;
- velocità dell’aria;
- temperatura di globotermometro;
e sono calcolati i seguenti indici:
- temperatura operativa (TO);
- PMV (Predicted Mean Vote) e PPD (Predicted Percentage of Dissatisfied).

NB: gli indici sono calcolati tenendo conto di diversi possibili abbigliamenti del personale.

Discomfort locali

Oltre ai parametri di cui sopra, In ogni punto di misura sono acquisiti anche i seguenti:
- velocità locale dell’aria;
- temperatura superficiale del pavimento;
- temperatura dell’aria ad altezza caviglie e all’altezza del capo;
- asimmetria radiante.
e sono calcolati i seguenti indici:
- DR (correnti d’aria), PDHK (differenza verticale di temperatura), PDF (pavimento caldo o freddo), PDRA (asimmetria radiante).

Doppio campionamento

Allo scopo di eliminare la possibilità del “falso esito” dovuto alle variazioni delle condizioni di temperatura e umidità con il trascorrere della giornata, all’interno dello stesso ambiente, i rilievi di microclima sono replicati in ogni punto in fascia oraria mattutina e pomeridiana.

Rilievo outdoor

Al fine di poter mettere in relazione l’esito dei rilievi di microclima indoor con le condizioni meteorologiche outdoor, nel corso dei campionamenti indoor sono acquisite la temperatura, l’umidità e l’irraggiamento solare outdoor mediante apposta centralina dotata di data-logger, termoigrometro e piranometro, posizionata su un terrazzo o sulla copertura dell’edificio.

 

   

Qualità dell’aria

Inquinanti chimici e fisici, indagine di base

Lo studio prevede la determinazione degli inquinanti derivanti dalle specifiche attività aziendali (es. attività di ufficio) e di quelli presenti nell’atmosfera esterna e che potrebbero essere veicolati all’interno degli ambienti di lavoro dagli impianti di condizionamento/ventilazione.

A questo scopo, l’indagine di base, prevede la determinazione dei seguenti parametri ambientali:
- polveri, frazione PM10 e frazione PM2.5
- CO2 (anidride carbonica)

Inquinanti chimici e fisici, indagine di completamento

In presenza di particolari installazioni nella zona in cui si colloca il palazzo oggetto di verifica (quali inceneritori, centrali termoelettriche, raffinerie o grossi stoccaggi di idrocarburi ed altri specifici siti industriali) o nei casi si abbia modo di ritenere che possa esserleci sorgenti indoor di aldeidi o composti organici volatili, si procede con la misurazione di più specifici parametri ambientali, determinati di caso in caso, tra cui aldeidi, VOCs, NOx, CO, O3, …).

Inquinanti biologici

Rilievi e campionamenti eseguiti al fine di valutare l’eventuale contaminazione batterica dell’aria.
A questo scopo sono misurati i seguenti parametri ambientali:
- Carica Batterica Mesofila (a 37° C);
- Carica Micetica (lieviti e muffe).

Indagine micro-zootica per ricerca allergeni degli acari

Acquisizione di campioni di polvere da pavimento e/o da poltrone e sedie ai fini della verifica della presenza di:
- allergeni degli acari.

Ricambi d’aria

Misura diretta della portata delle bocchette di immissione di aria primaria all’interno degli uffici scelti come campione.

Dalle misurazioni di cui sopra si ottengono le seguenti informazioni:
- operatività di ogni singola bocchetta;
- portata d’aria per bocchetta, totale dell’ufficio e complessiva per persona;
- numero massimo di occupanti ammesso per l’ufficio.

Comfort visivo

Iluminamento

Misurazione del livello di illuminamento (lux) nella zona e nella posizione effettivamente occupate dai lavoratori durante lo svolgimento del compito visivo. Per ogni postazione di lavoro esaminata è raccolto un campione costituito da diverse letture del livello di illuminamento nell’area del compito visivo.

Questo post è tradotto anche in This post is also available in Italian.