Sanificazione Impianti Aerazione e Climatizzazione

COVID-19: Gestione degli impianti di aerazione e climatizzazione

pubblicato il: 06 maggio 2020

Abstract

Questo post concerne l’opportunità di procedere con la sanificazione degli impianti di ventilazione degli edifici (aerazione, raffrescamento e riscaldamento) al fine di contrastare la diffusione del SARS-CoV2-19 (COVID-19).

CeSNIR condivide la posizione assunta da AICARR (Associazione Italiana Condizionamento dell’Aria, Riscaldamento e Refrigerazione) che afferma che “Allo stato non ci sono evidenze in base alle quali risulti indispensabile provvedere in modo generalizzato a interventi straordinari di igienizzazione degli impianti […] Qualunque intervento effettuato in modo scorretto e/o senza l’utilizzo di DPI potrebbe avere come risultato non la riduzione, ma l’incremento dei rischi“.

Nel post è innanzitutto chiarito quale debba essere la gestione degli impianti nel contesto ordinario e sono illustrate le indicazioni AICARR in merito alla miglior gestione degli stessi in questo delicato frangente di emergenza sanitaria.

E’ questo l’argomento che cercavi? Altrimenti consulta gli altri post sullo stesso tema in fondo a questa pagina.

Premessa

In merito alla più corretta gestione degli impianti di ventilazione e climatizzazione degli ambienti indoor, occorre distinguere il contesto ordinario da quello emergenziale che stiamo vivendo in questo periodo, individuando quindi:

  1. le azioni specificatamente previste per gestire l’emergenza COVID-19
  2. le azioni previste nella normale operatività, di routine, concernenti la manutenzione predittiva degli impianti.

Azioni specificatamente previste per gestire l’emergenza COVID-19

Per quel che concerne la gestione degli impianti durante l’emergenza dovuta alla epidemia da SARS-CoV2-19 (COVID-19) CeSNIR condivide la posizione assunta in proposito da AICARR che ha emesso i seguenti documenti sul tema:

  1. “Gli impianti e la diffusione del SARS-CoV2-19 nei luoghi di lavoro” (13/3/2020)
  2. “Protocollo per la riduzione del rischio da diffusione del SARS-CoV2-19 mediante gli impianti di climatizzazione e ventilazione esistenti”.

Con questi due documenti AiCARR fornisce alcune indicazioni sulla corretta gestione degli impianti di ventilazione e climatizzazione per ridurre al minimo i potenziali rischi di trasmissione dell’infezione.

Con la premessa che è comunque opportuno ridurre la densità degli occupanti all’interno dei luoghi di lavoro, considerato che l’aria esterna non è normalmente contaminata dal virus, AiCARR suggerisce di mantenere gli impianti di ventilazione che forniscono aria di rinnovo sempre accesi (24/7) e di farli funzionare alla velocità nominale o massima consentita, allo scopo di rimuovere le particelle sospese nell’aria (l’aerosol) e contenere la deposizione sulle superfici.

In merito all’opportunità di avviare iniziative di igienizzazione straordinaria degli impianti e delle condotte aerauliche, AICARR precisa che “Allo stato non ci sono evidenze in base alle quali risulti indispensabile provvedere in modo generalizzato a interventi straordinari di igienizzazione degli impianti.” e aggiunge che “Qualunque intervento effettuato in modo scorretto e/o senza l’utilizzo di DPI potrebbe avere come risultato non la riduzione, ma l’incremento dei rischi.”.

Con il secondo documento l’associazione fornisce un protocollo per a riduzione del rischio da diffusione del virus in cinque punti che riprendiamo di seguito:

  1. aumento della portata d’aria
  2. forzatura serrande in sola aria esterna
  3. disattivazione o by-pass del recuperatore di calore
  4. mantenimento del set point dell’umidità relativa al di sopra del 40%
  5. funzionamento in continuo dell’immissione di aria esterna

Si rimanda al documento originale (vedi bibliografia in fondo) per i dettagli tecnici sull’attivazione delle misure di cui sopra.

AICARR specifica che le azioni correttive suggerite sono quelle da attuare su impianti correttamente manutenuti e gestiti.

Azioni previste nella normale operatività concernenti la manutenzione predittiva degli impianti.

A proposito della corretta gestione e manutenzione degli impianti ricordiamo che il D.Lgs 81/08, all’allegato IV, prescrive che gli impianti di condizionamento dell’aria o di ventilazione forzata siano “controllati periodicamente e sottoposti a manutenzione, pulizia e sanificazione per la tutela dei lavoratori”.

Si rammenta inoltre che la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano è intervenuta sul tema dei controlli periodici con l’accordo recante “Procedura operativa per la valutazione e gestione dei rischi correlati all’igiene degli impianti di trattamento aria”. Tale documento (riportato in bibliografia), approvato dalla Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro di cui al Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, nasce con lo scopo di fornire al datore di lavoro indicazioni pratiche per la valutazione e gestione dei rischi correlati all’igiene degli impianti di trattamento aria e per la pianificazione degli interventi di manutenzione, in considerazione di quanto riportato nelle Leggi regionali, Linee Guida nazionali e norme tecniche prodotte sull’argomento.

Bibliografia

————————

Creative Commons
Attenzione: questo articolo è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.
Ovvero sei libera/o di condividere o modificare questo materiale con qualsiasi mezzo e formato e con qualsiasi fine, anche commerciale, alla condizione di riconoscere una menzione di paternità adeguata. Ad esempio con un link alla versione originale e/o citando il sito da cui è tratta e l’URL completo della pagina.

————————

Articoli su temi analoghi
Contattaci

    Policy sulla privacy